CLOUD SERVER

  • Tipologia: IaaS
  • ID Scheda: IA-1852
  • Stato corrente: QUALIFICATA
  • Categoria: Virtual Datacenter
  • Azienda fornitrice: SERVER PLAN SRL UNIPERSONALE
  • Referente commerciale: fABRIZIO sEBASTIANELLI
  • Data di qualificazione: 04-08-2021 10:53

Descrizione generale del servizio

Il public cloud consente di amministrare un intero virtual datacenter (virtual machine, storage e rete) in modo totalmente autonomo e flessibile. Consente di ottenere dall'infrastruttura e dalle applicazioni il massimo in termini di prestazioni, disponibilità ed efficienza. E’, dunque, è il servizio ideale per applicazioni, ecommerce o cms con traffico variabile.

Caratteristiche funzionali del servizio

  • Attivazione immediata
  • Risorse scalabili
  • Pay Per Use
  • Virtual Console
  • High Availability
  • Storage SSD NVMe
  • Backup & Restore

Benefici offerti dal servizio

  • Risparmio sul costo
  • Gestione flessibile delle risorse
  • Ottimizzazione degli investimenti

Piattaforma Cloud attraverso la quale è erogato il servizio

Piattaforma Cloud Server Plan basata su VMware vCloud Director

Cloud Deployment Model

Public Cloud

Specificare altra rete pubblica

  • Altra rete pubblica (specificare) (NESSUNA)

Eventuali servizi correlati NON qualificati nel Marketplace

NESSUNO

Sono richiesti prerequisiti?

No

Esistono dipendenze?

No

Indicare quali delle seguenti modalità di fruizione del servizio sono supportate

  • Web Browser
  • Altro (specificare) (API RESTful fornite da vCloud Director livello tenant)

Specificare i browser supportati

  • Firefox (ver > 82)
  • Chrome (ver > 84)

Tempi di attivazione e disattivazione del servizio

  • Tempo di attivazione: 1 GIORNO
  • Tempo di disattivazione: 1 GIORNO

Modalità e processo di attivazione

Server Plan consente di testare i servizi Cloud offrendo al Cliente un bonus iniziale di 15 euro. Il Cliente può creare e gestire la propria infrastruttura Cloud accedendo al pannello di controllo direttamente dalla sua area clienti. I costi applicati sono quelli disponibili alla pagina https://www.serverplan.com/cloud-hosting. Il Cliente provvede al pagamento del servizio Cloud tramite credito prepagato, da cui, quotidianamente, verrà scalato l’importo relativo alle risorse effettivamente utilizzate, secondo un principio di “pay per use”. Mensilmente ed ove previsto, verrà detratto dal credito anche il canone fisso relativo a licenze ed assistenza sistemistica. Il Cliente ha la facoltà di ricaricare il proprio credito dell’importo desiderato direttamente dalla sua Area Clienti e tramite le modalità di pagamento contemplate alla pagina https://www.serverplan.com/about-us/modalita-di-pagamento. L'importo residuo, nonché i consumi, i servizi aggiuntivi e le risorse allocate sono visualizzabili nel pannello di controllo disponibile all’interno dell’account personale del Cliente. Al Cliente verrà, gratuitamente, fornito un ambiente di test, del tutto analogo a quello di produzione, con cui egli potrà simulare e testare la migrazione, stimandone i relativi tempi. Pur garantendo l’utilizzo delle migliori tecnologie attuali, la durata del trasferimento dipende dalla dimensione dei contenuti e dalla connessione lato Cliente; la velocità massima del trasferimento è di 10 gbit/s. A servizio attivo, il Cliente avrà a disposizione, senza costi aggiuntivi, un pannello self-service dal quale, attraverso la tecnologia vCloud, potrà scaricare la VM in formato OVF. L’eventuale ripristino dei dati potrà essere effettuato autonomamente attraverso il servizio di Backup CDP, se scelto in fase di ordine, o, comunque, per i Cloud “managed”, aprendo un ticket di richiesta supporto direttamente dalla propria area clienti.

Modalità e processo di disattivazione

Il pagamento del servizio Cloud tramite credito prepagato, da cui, quotidianamente, verrà scalato l’importo relativo alle risorse effettivamente utilizzate, secondo un principio di “pay per use”. A credito esaurito, il servizio verrà sospeso e verrà ri-attivato solo quando il Cliente avrà provveduto alla ricarica. Trascorsi 15 giorni dalla mancata ricarica il servizio verrà cessato ed i relativi contenuti verranno cancellati definitivamente secondo modalità atte ad impedire l’accesso o la lettura degli stessi. Il servizio viene disattivato anche se il credito non è ancora esaurito, ma se perviene la relativa richiesta del cliente tramite ticket.

Estrazione dei dati a seguito di disattivazione

Il cliente può provvedere all'export dei dati in autonomia dal pannello prima della disattivazione del servizio, scaricando le macchine virtuali che contengono i dati. I dati non sono recuperabili dopo la scadenza del servizio. Possono essere estratti solo dal cliente attraverso gli strumenti forniti da vCloud quando l’utenza è ancora attiva, l’accesso sia via API che da pannello viene chiuso alla scadenza del servizio.

Livelli di servizio garantiti da dichiarare obbligatoriamente

  • Availability (in percentuale): 99.95 di uptime su base mensile
  • Support hours: Tutti i giorni, tutto il giorno (24/7)
  • Maximum First Support Response Time (in minuti): 5 minuti (emergenza) / 15 minuti (problema non “bloccante” )

Canali disponibili per il supporto tecnico

  • E-mail: Non disponibile
  • Telefono: Disponibile
  • Sistema di on-line ticketing: Disponibile
  • Web chat: Non disponibile
  • Assistenza on-site: Non disponibile
  • Assistenza remota: Non disponibile
  • Eventuale altro canale (specificare): Non disponibile

Tempistiche per la presa in carico e gestione delle segnalazioni

Le richieste di assistenza inoltrate tramite ticket vengono automaticamente catalogate e priorizzate dal sistema di ticketing in: “Emergenza”: tempo massimo di prima risposta al ticket 5 minuti (Rientrano in questa categoria problemi bloccanti come, a titolo esemplificativo e non esaustivo, servizio down, pacchetti persi, problemi di routing). “Problemi non bloccanti”: tempo massimo di prima risposta al ticket 15 minuti. (Tutti i casi che non rientrino nella fattispecie di “Emergenza”). Supporto telefonico: risposta entro 1 minuto

Documentazione tecnica

L'ambiente cloud Server Plan è realizzato con VMware vCloud director; opzionalmente è disponibile il supporto a NSX per la virtualizzazione della rete. Previa conferma di fattibilità della migrazione, per l’import e l’export si utilizzerà, comunque, il formato aperto OVF, pienamente supportato da VMware vCloud director. Server Plan mette a disposizione del Cliente delle guide inerenti l’utilizzo del pannello Cloud e contenenti tutte le informazioni relative all’importazione o l’esportazione dei propri dati. Queste sono consultabili ai seguenti url: help.serverplan.com/it/guides/guide-vcloud/vmware-vcloud/accesso-al-pannello-vcloud https://help.serverplan.com/it/kb/articles/posso-importare-il-mio-server-cloud Il Cliente può visionare le API e tutta la documentazione tecnica relativa alle interfacce di programmazione direttamente al seguente url: https://docs.vmware.com/en/VMware-Cloud-Director/index.html

Formati in cui è disponibile la documentazione tecnica (Selezionare una o più voci dall'elenco)

  • Disponibile e navigabile su Web (https://docs.vmware.com/en/VMware-Cloud-Director/index.html)

Elenco delle lingue in cui è disponibile la documentazione

  • Italiano
  • Inglese
  • Francese
  • Spagnolo
  • Tedesco

Scalabilità del servizio

  • E' prevista la scalabilità del servizio:
  • La scalabilità del servizio è di tipo automatico: No

Modalità e condizioni previste per la scalabilità del servizio

Modifica manuale delle risorse oppure richiesta via ticket

Strumenti di monitoraggio delle risorse a consumo associate al servizio, dei costi e della qualità del servizio

I costi del monitoraggio sono inclusi. Attraverso l’area clienti serverplan, sezione cloud, l’utente potrà controllare le singole risorse anche per singola macchina virtuale che vengono conteggiate per scalare il credito. E’ possibile anche consultare lo storico. Le risorse monitorate sono CPU, Ram e disco, licenze, IP.

Metriche e statistiche disponibili

vCloud direcotr fornisce un sistema di statistiche delle VM in cui è possibile monitorare l’uso nel tempo delle risorse Disco / rete / CPU. Questa funzionalità è molto utile per monitorare l’andamento dei servizi offerti e valutare interventi in base all’uso nel tempo delle risorse.

Report disponibili

Reportistica relativa ai consumi consultabile direttamente in area clienti serverplan.com, si può consultare lo storico del consumo delle VM e delle singole risorse RAM / rete / CPU etc.

Elementi che concorrono alla determinazione del prezzo (parametri)

Nome parametro Unità di misura Quantità minima
Parametro 1 CPU NUMERO 1
Parametro 2 RAM GB 1
Parametro 3 DISCO GB 10

Prezzo base del servizio

  • Prezzo base in euro (in euro): prezzo base attuale su https://www.serverplan.com/cloud-hosting euro 22,32 mese (1 core, 1 gb, 10 gb disco)
  • Eventuale costo di attivazione (in euro): 0

Monitoraggio dello stato del servizio e notifiche

  • E' disponibile il monitoraggio in tempo reale dello stato del servizio?:
  • Sono disponibili delle notifiche via SMS/email per gli eventi di indisponibilità del servizio?: No

API di tipo REST/SOAP disponibili per il servizio

  • E' disponibile l'endpoint REST (vcloud03.cloudmanage.eu (accesso con credenziali))
  • Sono presenti meccanismi di autenticazione per le API (API)
  • Viene fornita la documentazione delle API in formato Web (https://code.vmware.com/apis/1159/vmware-cloud-director)

Funzionalità invocabili tramite API di tipo SOAP/REST

E’ disponibile l’Endpoint REST che permette di eseguire le seguenti operazioni principali: Gestione delle VM, della rete, accensione / spegnimento e riavvio. Per i dettagli vedere documentazione API https://code.vmware.com/apis/1159/vmware-cloud-director

Formati in cui è possibile estrarre i dati

Open Virtualization Format (OVF)

Estrazione e formati di altri asset (in seguito a disattivazione)

Le virtual machine possono essere esportate prima della dismissione direttamente dall'utente usando il pannello vcloud, oppure con apposito strumento ovftool . In pratica è possibile scaricare le VM in formato OVF. Il formato OVF è uno standard che permette il trasferimento delle macchine virtuali tra ambienti diversi.

Specificare il tipo di accesso disponibile alle risorse virtuali

  • Accesso tramite SSH
  • Accesso tramite RDP
  • Altre modalità di accesso (specificare) (WEB CONSOLE)

Meccanismi di autenticazione supportati dal servizio

  • USERNAME E PASSWORD DI ELEVATA COMPLESSITÀ

Meccanismi avanzati di autenticazione

  • Disponibilità dell'autenticazione a '2 fattori': No
  • Possibilità di configurazione/customizzazione dei meccanismi di autenticazione: No

Controllo dell'Acquirente sulla gestione dei dati

  • L'Acquirente ha la possibilità di scegliere la localizzazione dei siti in cui verranno memorizzati e processati i dati?: No
  • L'Acquirente ha a disposizione procedure per la cancellazione permanente dei dati?:

Fornire le informazioni di dettaglio circa gli aspetti del servizio che sono conformi alla normativa (europea e italiana) in materia di protezione dei dati personali ed in particolare al GDPR e eventuali codici di condotta

Ruoli e responsabilità: Livelli di accesso diversificato per i tecnici interni e del supporto sistemistico Soluzioni di protezione e sicurezza ambientale del datacenter che ospita l’ambiente virtualizzato: Webfarm fisicamente isolata. Sistema di controllo degli accessi con badge e codice numerico a più livelli. Armadio rack dedicato alla conservazione dei log con sistema di accesso biometrico. Sistema di rilevamento antintrusione. Presidio con agente di vigilanza H24 per 7 giorni su 7. Telecamere a circuito chiuso e archiviazione digitale delle riprese. Sistemi di rilevamento antifumo, antiincendio ed antiallagamento. Trasformatori principali ridondanti al 100% Gruppi di continuità ridondati al 100% Gruppi elettronici con tempo di rilevazione minori di 10 secondi. Armadi rack con doppia alimentazione e potere di interruzione del corto circuito al primo interruttore a monte del rack. Impianto di condizionamento ridondato al 100%. Climatizzazione completa in grado di mantenere un delta < 1° Singolo armadio rack con condizionamento forzato ed estrattore di calore dall’alto. Continuità ed affidabilità di servizio oltre il 99, 99% Firewall di fornitori diversi per limitare i rischi dovuti alle potenziali vulnerabilità. Tutti i sistemi di supporto del datacenter sono ampliamente ridondati e dotati di sistema di monitoraggio che consentono una reazione tempestiva a qualsiasi anomalia e rendono esiguo il rischio di interruzione del servizio. Sono, inoltre, protetti da sofisticati sistemi di sicurezza in grado di rilevare ed impedire tempestivamente qualsiasi intrusione dall’esterno. Il Quality managment system della web farm è certificato ISO 9001, ISO 14001 , OH SAS 18001, SA 8000 e ISO 27001. Sistemi di autenticazione per gli utenti autorizzati: Protezione vpn per i tecnici interni, password complesse per le utenze dei clienti. Sistemi di Log Management per le attività di gestione della piattaforma e la gestione delle utenze di accesso al servizio: Sistema di log incluso in vcloud director come da documentazione. Sistemi firewall e antivirus: firewall per la parte infrastrutturale, per i clienti a richiesta usando le funzionalità NSX. Sistemi di cifratura e protocolli di trasmissione dei dati utilizzati: tutto il traffico di amministrazione è criptato con il protocollo TLS/HTTPS. Sistemi di backup e ripristino dei dati in caso di incidente fisico o tecnico: il cliente ha a disposizione su richiesta il sistema di backup cdp, che usa storage esterni all'infrastruttura cloud, su isola separata. Modalità di cancellazione dei dati al termine del servizio o su formale richiesta del Cliente: I dati vengono cancellati in automatico alla cancellazione delle risorse da parte del cliente. Eventuali trasferimenti di dati verso paesi esteri e relative misure di riservatezza adottate: In caso di applicazione dell’art. 46 del GDPR, i trasferimenti vengono effettuati previa disposizione di garanzie adeguate (es. adesione al codice di condotta CISPE ai sensi dell’art. 40 del GDPR). Presenza di un DPO ai sensi dell’art. 37 del GDPR. Presenza di procedure e policy per la protezione dei dati (compreso procedura di data breach). Presenza piano di ripristino che viene eseguito durante e dopo un incidente di sicurezza. Nomina degli Amministratori di Sistema e mantenimento elenco aggiornato. I dati sono distrutti dopo 15 giorni dalla disattivazione del servizio o su formale richiesta del Cliente.

Terms & Conditions

  • Dichiaro che non è occorso altro evento che abbia modificato il rispetto dei requisiti di cui all'allegato "A" alla presente circolare.